Passa ai contenuti principali

Schieramenti pronti!!!

LA BATTAGLIA DI CAMPALDINO

(la storia della battaglia l'ho copiata dal cartello all'entrata della sala del plastico, con oltre 4000 soldati schierati, che si trova dentro il castello di Poppi)

La battaglia di Campaldino che si combattè in Casentino sabato 11 giugno 1289, giorno di San Barnaba, tra l'esercito guelfo di Firenze e le milizie aretine appoggiate dalla feudalità ghibellina della Toscana centromeridionale, è una delle pochissime battaglie campali di grossa dimensione combattute in tutto il Medioevo nell'Italia centrale.

La guerra nel Medioevo, contrariamente a quello che molti credono, fu molto raramente affare di grandi battaglie campali e fu invece piccola guerra, fatta di incursioni, saccheggi, colpi di mano, distruzione di raccolti (le cosiddette cavalcate), allo scopo di indebolire economicamente il nemico.
Il fenomeno è chiaramente spiegabile. La dimensione demografica delle città italiane non era tale da consentire ai Comuni di formare, equipaggiare e mandare in combattimento grandi eserciti e questo è ancor più vero per le milizie feudali che i signori dl contado opposero all'espansione cittadina.

La battaglia di Campaldino costituisce una eccezione a questo schema, dal momento che le parti combattenti furono in grado di mettere in campo quasi 20.000 uomini. Proprio per la sua eccezionalità questo fatto d'armi risulta perciò prezioso per studiare e comprendere lo strumento e l'organizzazione militare di una grande città come Firenze, al culmine della fase comunale.
Per una campagna di grosse dimensioni, come quella sia pur breve che portò i fiorentini alla vittoria di Campaldino, la città aveva mobilitato tutte le sue risorse militari, offrendoci un'immagine chiara di come si muoveva, si schierava e combatteva un esercito comunale alla fine del XIII secolo.















Commenti

  1. evviva l'originalità!!!!l'ultima è meravigliosa

    RispondiElimina
  2. Davide...sono stupende...sembra di stare sul campo di battaglia.

    RispondiElimina
  3. @Sabrina: cavoli è da pochi giorni che ho la mia D7000 (prima avevo la D80) e sto impazzendo... riesco a dirvertirmi da morire con questo gioiellino!!! :D ... cmq grazie di cuore per i complimenti e come al solito per essere passata!!!

    @Laura: Infatti ho avuto la stessa sensazione anche io.... sarà stato che quando ero lì mi sembrava di esserci realmente, sembrava quasi di sentire il rumore del silenzio prima della battaglia!!! :D

    @Michele: grazie a te per l'idea!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Mi piace questo tuo tilt-shift...!
    L'avevo sperimentato,ma solo con la fotocamera dell'Iphone,mi fai venire voglia di riprovarci impegnandomi seriamente.

    RispondiElimina
  5. Ma più che altro è come se mi fossi rimpicciolito io... ehehehehehe!!!!

    Grazie Alessandra per questa piccola scoperta che mi hai fatto fare... eehehehehehee... cavoli fino a due minuti fa non sapevo che fosse il Tilt-shift!!! :P

    RispondiElimina
  6. mamma mia...fantastiche queste foto...complimenti!

    RispondiElimina
  7. @Raffa: tu non sai da quando volevo fare scatti del genere, ma per vari motivi non ci sono mai riuscito... ed alla fine... finalmente!!! :D

    RispondiElimina
  8. Seppur brutto come pensiero, ma guarda che mi affascina parecchio il metodo di combattimento che usavano a quei tempi.... lì c'era strategia pura e faccia a faccia!!! ;)

    RispondiElimina
  9. Una vera passione quella dei soldatini! Interessante e istruttivo! Una serie di foto molto bella e sembrano quasi veri! Ciao Cri : )

    RispondiElimina
  10. Grazie di cuore per essere passata Cristina!!! Mi fa molto piacere!!! :D

    RispondiElimina
  11. Ma che scenografia magnifica! Ottimi i punti di ripresa, sembra quasi una battaglia vera

    RispondiElimina
  12. @Ele: Veramente fantastica... sono impazzito a guardarla :D ... e a fotografarla!!! ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorgia

Lo scorso 8 aprile ho partecipato all'ultimo workshop di ritratto utilizzando i flash a slitta staccati dalla macchina fotografica. Questa volta ho avuto il piacere di scattare alcune foto a Giorgia. Come nel caso di Natalia, devo dire che anche lei è stata parecchio paziente, simpatica e ci ha anche aiutato in alcuni casi, almeno nella parte che riguardava le pose da tenere. Anche questa è stata una gran bella esperienza e spero vivamente che la sua bellezza renda con le mie foto, perchè se non ci sono riuscito è tutta colpa mia, perchè credetemi che lei è realmente bella.


Still life

Prima del workshop a cui ho partecipato lo scorso sabato, lo still life per me era una tecnica che richiedeva sicuramente tanta pazienza e tanto tempo, ma non pensavo che ci fosse dietro tantissimo lavoro in più. Oltre allo scatto c'è tutta la fase di post produzione che è un momento molto importante. Io personalmente ho ripreso 4 scatti di quelli in cui io ci ho messo anche un piccolo click e l'ho post prodotti con i miei soliti metodi, ma con qualche spunto in più grazie a Francesco, nostro insegnante.
Spero vi piacciano.




Lo scatto che vedete proprio qui sopra me lo sono creato io, seguendo un po' quello che la mia testa mi diceva, in fondo si dovevano fare prove e così ho fatto!

Di seguito vedrete gli scatti fatti praticamente tutti insieme: in ogni scatto c'è un pezzo di noi (associati al fotoclub effeunopuntouno) e del nostro workshop...


La mia prima mostra personale

Come avete letto nello scorso post, mi sono buttato in una nuova esperienza: allestire una mostra personale. Non avevo mai pensato che ne avrei fatta una, ma l'occasione è arrivata e grazie a due amici sono riuscito a mostrare per la prima volta alcune mie immagini (che avete già visto su queste pagine). All'inizio non sapevo proprio cosa proporre, visto che di foto ne ho un sacco, ma guardando il posto è stato piuttosto facile decidere l'Islanda.


E' stata un'esperienza fantastica: mi è stata data un'altra possibilità di raccontare la bellezza di questa meravigliosa terra. Mi sono divertito a raccontare ogni scatto che ho mostrato e sono stato felice di vedere le persone coinvolte nel mio racconto. Questo post vuole essere un ringraziamento a tutti quelli che sono intervenuti ed anche una condivisione per chi, in un modo o nell'altro, non sono riusciti ad esserci.





























Le foto che ho condiviso sono state scattate da chi è passato nei