Passa ai contenuti principali

ISLANDA 2015! Ancora acqua, ma anche tradizione islandese...

... quella più genuina e radicata nella storia islandese.

Però facciamo un passo alla volta: ormai siamo a tre quarti del nostro viaggio e dopo aver lasciato Husavik, la tappa principale è Godafoss (la cascata di Dio).
Una meraviglia per gli occhi, mi ricorda le cascate del Niagara, ma in versione mini! Anche qui come in tutti gli altri posti visitati, quello che ti colpisce è l'assoluta mancanza di divieti e quindi girare intorno alla cascata è assolutamente senza vincoli ed hai la possibilità di cogliere anche il più piccolo particolare. Che dire? Quando puoi addentrarti nelle meraviglie che la natura ha da regalarti non puoi non approfittarne, sempre e comunque nel rispetto della stessa.




























Lasciata alle spalle Godafoss, proseguiamo per Akureyri, dove ci fermeremo per la notte. La mattina seguente il viaggio che ci aspetta ci riserva la visita al Glaumbær Heritage Museum: una casa museo in cui è possibile vedere come erano le abitazioni tipiche islandesi e capire com'era la loro vita all'interno della casa. Un viaggio indietro nel passato non indifferente: tutto da scoprire!
































Lasciata la casa museo ci dirigiamo verso nuove e mirabolanti avventure, ma ormai siamo consapevoli del fatto che il nostro viaggio ha superato metà del suo percorso, ma c'è ancora altro da vedere: tanto altro......

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorgia

Lo scorso 8 aprile ho partecipato all'ultimo workshop di ritratto utilizzando i flash a slitta staccati dalla macchina fotografica. Questa volta ho avuto il piacere di scattare alcune foto a Giorgia. Come nel caso di Natalia, devo dire che anche lei è stata parecchio paziente, simpatica e ci ha anche aiutato in alcuni casi, almeno nella parte che riguardava le pose da tenere. Anche questa è stata una gran bella esperienza e spero vivamente che la sua bellezza renda con le mie foto, perchè se non ci sono riuscito è tutta colpa mia, perchè credetemi che lei è realmente bella.


Still life

Prima del workshop a cui ho partecipato lo scorso sabato, lo still life per me era una tecnica che richiedeva sicuramente tanta pazienza e tanto tempo, ma non pensavo che ci fosse dietro tantissimo lavoro in più. Oltre allo scatto c'è tutta la fase di post produzione che è un momento molto importante. Io personalmente ho ripreso 4 scatti di quelli in cui io ci ho messo anche un piccolo click e l'ho post prodotti con i miei soliti metodi, ma con qualche spunto in più grazie a Francesco, nostro insegnante.
Spero vi piacciano.




Lo scatto che vedete proprio qui sopra me lo sono creato io, seguendo un po' quello che la mia testa mi diceva, in fondo si dovevano fare prove e così ho fatto!

Di seguito vedrete gli scatti fatti praticamente tutti insieme: in ogni scatto c'è un pezzo di noi (associati al fotoclub effeunopuntouno) e del nostro workshop...


La mia prima mostra personale

Come avete letto nello scorso post, mi sono buttato in una nuova esperienza: allestire una mostra personale. Non avevo mai pensato che ne avrei fatta una, ma l'occasione è arrivata e grazie a due amici sono riuscito a mostrare per la prima volta alcune mie immagini (che avete già visto su queste pagine). All'inizio non sapevo proprio cosa proporre, visto che di foto ne ho un sacco, ma guardando il posto è stato piuttosto facile decidere l'Islanda.


E' stata un'esperienza fantastica: mi è stata data un'altra possibilità di raccontare la bellezza di questa meravigliosa terra. Mi sono divertito a raccontare ogni scatto che ho mostrato e sono stato felice di vedere le persone coinvolte nel mio racconto. Questo post vuole essere un ringraziamento a tutti quelli che sono intervenuti ed anche una condivisione per chi, in un modo o nell'altro, non sono riusciti ad esserci.





























Le foto che ho condiviso sono state scattate da chi è passato nei