Passa ai contenuti principali

E' il momento dell'Aurora Boreale

Questa sera sono qui che vi scrivo ed è anche molto difficile farlo: il tema dell'Aurora Boreale fotograficamente parlando è sempre difficile da affrontare, dal momento che qui secondo il mio parere l'attrezzatura ha una parte fondamentale nella riuscita di un tipo di fotografia così particolare.

Quando sono partito il 6 gennaio sinceramente pensavo a tutto, ma mai che sarei riuscito a vedere questo straordinario evento e soprattutto a fotografarlo.
Per fortuna è successo che la sera del 9 gennaio c'erano tutti i presupposti per poterla fotografare e siamo partiti con destinazione Kerið.
Sono bastati 5 minuti ed è cominciato tutto, inizialmente si vedeva un colore verde leggero leggero, ma piano piano è iniziato ad aumentare ed è cominciato lo spettacolo. Devo dire che per quanto fossi pronto fotograficamente parlando, la vista dell'aurora mi ha fatto andare in palla ed ho sbagliato le impostazioni e vi assicuro che ero veramente deluso dalla mia serie di errori. Successivamente ho rimediato ed ho cominciato a divertirmi veramente.
Ora posto le foto che è meglio. Dopo gli scatti vi lascio anche qualche piccola informazione sù come fotografare l'aurora.

Buona visione



ISO 1600 - 30 sec. - f 2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 500 - 30 sec. - f2.8



ISO 500 - 30 sec. - f2.8



ISO 500 - 30 sec. - f2.8



ISO 500 - 30 sec. - f2.8



ISO 500 - 30 sec. - f2.8



ISO 800 - 30 sec. - f2.8



ISO 800 - 30 sec. - f2.8



ISO 800 - 30 sec. - f2.8



ISO 800 - 30 sec. - f2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 1600 - 30 sec. - f2.8



ISO 800 - 30 sec. - f2.8


1. La difficoltà maggiore che ha contraddistinto questa ora a caccia di luce d'aurora?! Beh il freddo, un punto da tenere in cima alla lista delle cose che ognuno di noi si deve appuntare se vuole immortalare l'aurora;
2. trovare un luogo abbastanza riparato dal vento e questo per me non è stato facilissimo calcolando che in Islanda il vento tira eccome;
3. va benissimo un luogo buio, ma non completamente: un po' di "inquinamento luminoso" può dare una mano per rendere lo scenario più spettacolare;
4. macchina fotografica sù cavalletto, impostazioni manuali anche la messa a fuoco (quest'ultima impostarla sù infinito), iso minimo 800 (sotto ogni foto come avete potuto vedere ho specificato i dati di scatto), aprire il più possibile il diaframma (io avevo f2.8 impostato) e tempi lunghi: quest'ultima impostazione dipende molto dall'intensità della stessa aurora (se è intensa io personalmente ho abbassato gli iso, in modo da avere meno rumore nell'immagine; se invece è poco intensa allora tocca alzarli, a meno che non si imposta il tempo di scatto su BULB);
5. essere pronti a stupirsi della meraviglia che questo evento trasmette
6. ogni tanto consiglio di non pensare solo a fotografare, ma anche godersi questo evento eccezionale!

Commenti

  1. che spettacolo, le tue foto sono una più bella dell'altra.
    Vorrei tanto vederla anche io :)

    RispondiElimina
  2. Complimenti per le foto Davide
    Maurizio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorgia

Lo scorso 8 aprile ho partecipato all'ultimo workshop di ritratto utilizzando i flash a slitta staccati dalla macchina fotografica. Questa volta ho avuto il piacere di scattare alcune foto a Giorgia. Come nel caso di Natalia, devo dire che anche lei è stata parecchio paziente, simpatica e ci ha anche aiutato in alcuni casi, almeno nella parte che riguardava le pose da tenere. Anche questa è stata una gran bella esperienza e spero vivamente che la sua bellezza renda con le mie foto, perchè se non ci sono riuscito è tutta colpa mia, perchè credetemi che lei è realmente bella.


Still life

Prima del workshop a cui ho partecipato lo scorso sabato, lo still life per me era una tecnica che richiedeva sicuramente tanta pazienza e tanto tempo, ma non pensavo che ci fosse dietro tantissimo lavoro in più. Oltre allo scatto c'è tutta la fase di post produzione che è un momento molto importante. Io personalmente ho ripreso 4 scatti di quelli in cui io ci ho messo anche un piccolo click e l'ho post prodotti con i miei soliti metodi, ma con qualche spunto in più grazie a Francesco, nostro insegnante.
Spero vi piacciano.




Lo scatto che vedete proprio qui sopra me lo sono creato io, seguendo un po' quello che la mia testa mi diceva, in fondo si dovevano fare prove e così ho fatto!

Di seguito vedrete gli scatti fatti praticamente tutti insieme: in ogni scatto c'è un pezzo di noi (associati al fotoclub effeunopuntouno) e del nostro workshop...


La mia prima mostra personale

Come avete letto nello scorso post, mi sono buttato in una nuova esperienza: allestire una mostra personale. Non avevo mai pensato che ne avrei fatta una, ma l'occasione è arrivata e grazie a due amici sono riuscito a mostrare per la prima volta alcune mie immagini (che avete già visto su queste pagine). All'inizio non sapevo proprio cosa proporre, visto che di foto ne ho un sacco, ma guardando il posto è stato piuttosto facile decidere l'Islanda.


E' stata un'esperienza fantastica: mi è stata data un'altra possibilità di raccontare la bellezza di questa meravigliosa terra. Mi sono divertito a raccontare ogni scatto che ho mostrato e sono stato felice di vedere le persone coinvolte nel mio racconto. Questo post vuole essere un ringraziamento a tutti quelli che sono intervenuti ed anche una condivisione per chi, in un modo o nell'altro, non sono riusciti ad esserci.





























Le foto che ho condiviso sono state scattate da chi è passato nei