Passa ai contenuti principali

Il mondo dell'IR



Ciao amico!!!
Eccomi qui di nuovo con qualche altro scatto fatto da me!!!
Quest'oggi vorrei raccontarti dell'Infrarosso (IR), o meglio di quello che è l'IR!!! Chiaramente per me è ancora un mondo un po' sconosciuto per cui aggiungerò qui qualche riga presa direttamente da Fotografia Reflex

Io posso solo dire che questo è un mondo bellissimo!!! ;)

Ma lascio lo spazio a questo piccolo "racconto"!!! Buona lettura!!!

"Siamo abituati a pensare che i nostri sensi, così come sono, corrispondano alla "realtà". Così ci chiediamo cosa abbia il nostro cane, da annusare quel certo muro, a ogni passeggiata, oppure come facciano i pipistrelli a catturare insetti nel buio assoluto, o come faccia un gatto a cacciare topi di notte. Ebbene la "realta" come la conosciamo, è una costruzione dei nostri recettori sensoriali (olfatto, vista, udito, gusto, tatto) e del cervello. Chiaro quindi, che per i 15000 sensori olfattivi nel nostro naso, il muro non ha niente di particolare, mentre per il nostro cane con i suoi 500.000 sensori ha una storia infinita e in continua evoluzione, a ogni passaggio dei suoi simili.

Con la luce è la stessa storia, noi vediamo solo una piccola componente dello spettro in natura che si estende ben oltre i limiti, da 400 a 700 nm (nanometri) da noi visibili. Questo limite lo possiamo superare, usando una pellicola infrarosso o infrared (per gli anglofili).

Il grafico sopra chiarisce il concetto di luce infrarossa, la scala graduata da 200 a 1200 nm (nanometri) mostra varie lunghezze d'onda della luce, sopra lo spettro a colori ultraviolet è la componente ultravioletta, visible light è la parte di spettro che è visibile da noi, segue da 700 nm near infrared il "vicino infrarosso", cioè la componente infrarossa di luce vicina al visibile, è qui che operano le pellicole infrarosse, infrared films nel grafico.

Queste pellicole, registrano immagini fino 900 nm e oltre, quindi permettono con adeguata post produzione del fotografo, di realizzare immagini particolari, dove la componente rossa della luce rende la pelle delle persone quasi trasparente, i paesaggi sembrano uscire da un altro pianeta e solo la presenza delle opere umane e degli uomini stessi, li identifica come pianeta terra o meglio come pianeta infrarosso.

A confronto lo stesso panorama aereo (il castello di Duino) sopra ripreso con pellicola negativa a colori, sotto con pellicola infrarossa a colori, le zone verdi sotto sono rosse perchè la clorofilla contenuta nelle foglie della vegetazione, riflette fortemente la componente infrarossa della luce.

Per fotografare all'infrarosso, occorre oltre alla reflex (o compatta con messa a fuoco a telemetro) avere: obiettivo da 28 a 80 mm. , filtro rosso 25A, arancio e polarizzatore, pellicola Infrared High Speed Kodak, la reflex o la fotocamera compatta è consigliabile che abbiano l'otturatore a lamelle metalliche, gli otturatori a tendine in tessuto possono far filtrare luce quanto basta a velare il negativo. La pellicola è talmente sensibile al più flebile barlume di luce, da richiedere il caricamento al buio piu totale, pena la velatura del negativo. La sensibilità da impostare è 400 ASA, che agli effetti pratici diventano 50 ASA, in quanto il filtro 25A assorbe tre stop di luce.

In questa ripresa IR di Carlo Ravaioli, c'è tutto il fascino dell'infrarosso bianco/nero, è stata realizzata in pieno giorno, il cielo è nero e le palme risultano quasi bianche.
CLIC SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

Secondo l'esperienza fatta da noi, la condizione ideale che garantisce i risultati migliori, e quella di una giornata di sole con poche nuvole alte e sparse, giornate nuvolose o con cattivo tempo sono incontrollabili sul piano dei risultati, ma in tal caso si puo ricorrere al vecchio trucco dell'esposizione a forchetta (facendo però in modo da non scendere mai al di sotto di f 8 con i diaframmi).
Tornando a parlare della bella giornata, in tal caso montando il filtro rosso 25A e impostando il tempo di 1/125 con diaframma a f 11, il risultato è abbastanza sicuro, otterremo vegetazione e alberi di un bianco fluorescente, quasi abbacinante, con contorni sfumati, cieli e distese d'acqua neri, nei ritratti la carnagione appare priva di difetti e quasi trasparente. In effetti i raggi infrarossi, penetrano negli strati subito sotto la pelle, in pratica sono immagini "sottocutanee" dei soggetti.

TIPOLOGIA DEI FILTRI INFRAROSSO

I filtri infrarosso sono suddivisi in 3 categorie, per valori in nm=nanometro
-filtri che bloccano la luce fino ai 600 nm
-filtri che bloccano la luce fino ai 700 nm
-filtri che bloccano la luce fino ai 900 nm
le prime due classi da 600 e 700 nm, non bloccano totalmente la luce visibile e quindi con essi si ottengono riprese a colori, con tonalità particolarissime e impossibili anche con un programma di fotoritocco.

Questa ripresa di Gavin Wrigley, mostra cosa si ottiene con un filtro IR da 700 nm, si tratta di un paesaggio in luce diurna, l'erba e il fogliame degli alberi, assorbono grandi quantità di luce infrarossa, questo crea l'armosfera da fiaba che vedete.

fino ai 900 nm, sono definiti anche “black” o “dark”, essendo scuri (e densi) quanto i vetri protettivi delle maschere da saldatore, bloccano tutta la luce visibile, tanto da creare una foto completamente in bianco/nero. Anche quest’ultimo effetto è molto difficile, se non impossibile, da riprodurre con software di fotoritocco.

Questo paesaggio di terra e di mare è di Carlo Ravaioli, è stato ripreso con filtro IR 900 nm, la densità di questo filtro ha bloccato tutta la luce visibile, creando questo effetto fiabesco in bianco/nero, con vegetazione bianco abbagliante e mare nero.

MESSA A FUOCO CON FILTRO INFRAROSSO

Questo aspetto merita di essere evidenziato, in quanto la luce infrarossa ha una rifrazione, cioè un modo di propagazione, differente dalla luce visibile, è come se ogni soggetto, messo a fuoco nel mirino della reflex, fosse in realtà più vicino circa del 20%, per questo motivo l'autofocus va escluso e una volta regolata nel mirino la messa a fuoco, il riferimento risultante sulla scala delle distanze va fatto coincidere con il punto rosso o la tacca rossa, che sugli obiettivi danno appunto il riferimento della messa a fuoco per infrarosso. Ad esempio su ottica 50mm, infinito corrisponde a 20 m.
In mancanza della tacca rossa sull'obiettivo, fatto non infrequente sugli obiettivi più recenti, va considerato che l'infinito è indietro del 20% e quindi su pellicola sono convenienti scatti su più valori inferiori, mentre con il digitale si possono fare delle prove, fino al risultato migliore.

LA FOTOGRAFIA IR DI GINO MAZZANOBILE

Gino Mazzanobile è un grande esperto di tecniche fotografiche, auto costruisce le sue fotocamere medio formato e si è cimentato nello sviluppo anche per l'infrared.
Vi invitiamo a cliccare sul link sotto, è il suo autorevole punto di vista sulla ripresa di fotografie all'infrarosso, con indicazioni preziose per lo sviluppo in camera oscura.
Nell'articolo di Gino anche una splendida galleria fotografica infrarosso, con le fotografie da lui scattate e sviluppate."

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorgia

Lo scorso 8 aprile ho partecipato all'ultimo workshop di ritratto utilizzando i flash a slitta staccati dalla macchina fotografica. Questa volta ho avuto il piacere di scattare alcune foto a Giorgia. Come nel caso di Natalia, devo dire che anche lei è stata parecchio paziente, simpatica e ci ha anche aiutato in alcuni casi, almeno nella parte che riguardava le pose da tenere. Anche questa è stata una gran bella esperienza e spero vivamente che la sua bellezza renda con le mie foto, perchè se non ci sono riuscito è tutta colpa mia, perchè credetemi che lei è realmente bella.


Ancona - La Grotta Azzurra

Ciao a tutti amici bloggers e non!!!

Come promesso nello scorso post, oggi vi riporto nella mia Ancona: in fondo per me Ancona è sempre Ancona, è la mia casa, per cui ogni tanto interrompo il mio viaggio fotografico con un po' di scatti della mia città!!! 

Questo è un giro fotografico partito dal Parco del Cardeto, di cui altre volte vi ho intrattenuto per cui non vi romperò più di tanto questa volta.

La Grotta Azzurra è una zona costiera che si trova proprio ai piedi del Parco del Cardeto ed è caratterizzata anche questa dalle grotte. In realtà tutta la zona del Passetto di Ancona è l'habitat di queste grotte. Originariamente costruite dai pescatori, ma poi sono diventate vere e proprie residenze estive degli anconetani!!!

Ma bando alle ciance e via con gli scatti!!!!!





























Into the wild

Questa sera volevo condividere con voi un altro film: un film che parla di libertà, che parla di solitudine, che parla di un viaggio alla scoperta di se stessi, che parla di terre selvagge!!!!!!!






Basato su una storia vera: la storia di chi ha deciso che tutto quello che ha non è abbastanza, vuole qualcosa che nessun altro ha mai avuto ancora!!!!

Se vuoi una cosa nella vita, datti da fare e prendila!!!!<--Cliccaci

Il mio incontro con questo film è avvenuto in una fredda sera di gennaio: erano le 22.30 quando sono entrato nel cinema. Leggevo che la fotografia era spettacolare, vedevo il trailer e tutto mi affascinava. Sono entrato nel cinema e ne sono uscito confuso, stordito e .... libero!!!! E' diventato il mio film, quello che non mi stancherei mai di vedere, perchè in fondo nel mio cuore mi sentivo un po' come Christopher!!!!