Passa ai contenuti principali

Cinque cose assurde da fare in Islanda!!!!

Preso direttamente da MAX

Un libro in inglese appena uscito per l'edizione Salka, 50 crazy things to do in Iceland, ne elenca un bel po'. Ecco qui le cinque più spassose:

1 CACCIARE UN PUFFIN (PULCINELLA DI MARE)
La colonia più grande di questo simpatico uccellino boreale è sulle isole di Westman. La stagione della caccia va da aprile ad agosto. Arrosto, è più buono della quaglia.

2 MANGIARE CARNE MARCIA DI SQUALO
Lo squaloputrefatto è uno dei piatti più terribili che si possono assaggiare in Islanda. Lasciato per mesi sottoterra e poi essiccato all'aria, si libera dell'acido uremico e diveneta commestibile. Per assaggiarlo, insieme alla testa di capra bollita, bisogna andare in Islanda a gennaio e febbraio durante la festa di Thorri.

3 PRENDERSI A BOTTE CON GLI UCCELLI
La rondine di mare artica è uno degli uccelli più aggressivi del mondo. È sufficiente avvicinarsi al nido per essere attaccati. Molti islandesi, casco da moto in testa, vanno a disturbare le rondini durante la stagione della cova considerandolo uno tra i passatempo più spassosi.

4 PARTECIPARE A UN TORNEO DI PALLAINFANGATA
L'ultima settimana di agosto, nella città di Isafjördur, si organizza il più grande torneo di palla-fango dell'isola. Sei contro sei, ci si rotola nella melma per un intero weekend. Se poi si diventa bravi, tutti in Finlandia, paese che ospita i Campionati del mondo.

5 LASCIARE IN EREDITÀ IL PROPRIO PENE
Nella cittadina di Húsavík c'è il Museo fallologico (www.phallus.is), collezione di 300 peni provenienti da varie specie animali. Da anni si cerca un donatore umano.


"Che devo dire?! Ci vado alla fine di maggio, poi ci sarà il lungo racconto!!!"

Commenti

  1. Ma come si fa a cacciare la pulcinella?!?
    Da piccola adoravo quell'animale strano.

    RispondiElimina
  2. Più che altro ... ma questi non c'hanno proprio un ca**o da fare?! Eehehehehehehehhe!!!! :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorgia

Lo scorso 8 aprile ho partecipato all'ultimo workshop di ritratto utilizzando i flash a slitta staccati dalla macchina fotografica. Questa volta ho avuto il piacere di scattare alcune foto a Giorgia. Come nel caso di Natalia, devo dire che anche lei è stata parecchio paziente, simpatica e ci ha anche aiutato in alcuni casi, almeno nella parte che riguardava le pose da tenere. Anche questa è stata una gran bella esperienza e spero vivamente che la sua bellezza renda con le mie foto, perchè se non ci sono riuscito è tutta colpa mia, perchè credetemi che lei è realmente bella.


Still life

Prima del workshop a cui ho partecipato lo scorso sabato, lo still life per me era una tecnica che richiedeva sicuramente tanta pazienza e tanto tempo, ma non pensavo che ci fosse dietro tantissimo lavoro in più. Oltre allo scatto c'è tutta la fase di post produzione che è un momento molto importante. Io personalmente ho ripreso 4 scatti di quelli in cui io ci ho messo anche un piccolo click e l'ho post prodotti con i miei soliti metodi, ma con qualche spunto in più grazie a Francesco, nostro insegnante.
Spero vi piacciano.




Lo scatto che vedete proprio qui sopra me lo sono creato io, seguendo un po' quello che la mia testa mi diceva, in fondo si dovevano fare prove e così ho fatto!

Di seguito vedrete gli scatti fatti praticamente tutti insieme: in ogni scatto c'è un pezzo di noi (associati al fotoclub effeunopuntouno) e del nostro workshop...


La mia prima mostra personale

Come avete letto nello scorso post, mi sono buttato in una nuova esperienza: allestire una mostra personale. Non avevo mai pensato che ne avrei fatta una, ma l'occasione è arrivata e grazie a due amici sono riuscito a mostrare per la prima volta alcune mie immagini (che avete già visto su queste pagine). All'inizio non sapevo proprio cosa proporre, visto che di foto ne ho un sacco, ma guardando il posto è stato piuttosto facile decidere l'Islanda.


E' stata un'esperienza fantastica: mi è stata data un'altra possibilità di raccontare la bellezza di questa meravigliosa terra. Mi sono divertito a raccontare ogni scatto che ho mostrato e sono stato felice di vedere le persone coinvolte nel mio racconto. Questo post vuole essere un ringraziamento a tutti quelli che sono intervenuti ed anche una condivisione per chi, in un modo o nell'altro, non sono riusciti ad esserci.





























Le foto che ho condiviso sono state scattate da chi è passato nei