martedì 2 febbraio 2016

Harpa

Io non ho molto lo spirito moderno in fatto di costruzioni ed edifici, ma devo dire che l'Harpa è un capolavoro di architettura.
Questo edificio si trova nei pressi del porto di Reykjavik ed è una Concert Hall ed anche un Conference Centre. La costruzione è un'unione di due simil parallelepipedi irregolari formata esternamente da pareti in vetro e acciaio; internamente ha una hall veramente molto grande e tutta aperta, in cui si possono trovare la biglietteria, alcuni negozi, bar. I vari piani (se non erro 4) sono uniti, oltre che dagli ascensori, da una serie di scalinate in cemento con scorrimano in vetro, ma la più bella secondo me è quella che taglia dritta dal piano terra al terzo piano e che ha di lato dei piccoli piani in cui si possono trovare divanetti su cui potersi accomodare. Infine, al centro della costruzione si trovano, ai vari piani, i vari ambienti per l'intrattenimento e per le conferenze ed ogni zona è servita anche da un angolo ristoro aperti quando ci sono concerti, conferenze e mostre.
Un gran bel posto che ho cercato di raccontarlo anche per immagini.



















giovedì 28 gennaio 2016

Thingvellir e la meraviglia dell'acqua, della neve e del ghiaccio

Il nostro tour invernale in Islanda non poteva non fare tappa in uno dei luoghi simbolo di questa terra: il Parco Nazionale di Thingvellir.
Negli altri viaggi ho avuto modo di scoprire la caratteristica principale di questo luogo: l'allontanamento della faglia Nord americana da quella Euroasiatica causa della deriva dei continenti che rende l'Islanda una terra in continua trasformazione.

In questo ultimo viaggio ho avuto il piacere di scoprire il Parco sotto un manto di neve e ghiaccio e devo dire che è stato proprio un gran bel vedere.
E che dire della cascata di Öxaráfoss, d'estate una cascata d'acqua rumorosa e meravigliosa da guardare e in quest'ultima mia visita ho avuto modo di vederla quasi completamente congelata.













































sabato 23 gennaio 2016

Camminando sotto la neve

A pochi giorni dal rientro in Italia, non riesco ancora a riambientarmi. Quest'ultimo viaggio mi ha un po' "scosso", detto chiaramente in senso positivo: quando mi alzavo la mattina era come se stessi a casa mia; uscire di casa non era un peso, anzi. Forse mi sono reso conto di essere in posto diverso da casa, quando l'11 gennaio alle 8.30 ha cominciato a nevicare e nel giro di poco tutto era completamente bianco: in Islanda anche la neve è diversa!

Vedere quella neve che scendeva così fitta non ci ha fatto sicuramente desistere dall'uscire, anzi siamo usciti e siamo rimasti fuori tutto il giorno, girando a piedi e goderci Reykjavik al massimo.



































domenica 17 gennaio 2016

La magia dell'Aurora a pochi passi dal centro di Reykjavik

Nello scorso post vi avevo raccontato della prima esperienza che ho avuto di fronte all'aurora e di come sia stato fantastico vedere questo evento.

Oggi aggiungo solo gli scatti che ho fatto nella prima e seconda serata del 12 gennaio. Questa seconda serata di aurora è stata anche più intensa della prima, ma la caratteristica principale è che siamo rimasti sempre a Reykjavik, non ci siamo spostati per niente: è bastato solo andare in zone relativamente buie per gustarci ancora questo spettacolo.

Il risultato è stato, nemmeno a dirlo, fantistico!

Buona visione



ISO 800 - 30 sec.- f 2.8



ISO 800 - 30 sec.- f 2.8



ISO 800 - 15 sec.- f 2.8



ISO 800 - 30 sec.- f 2.8



ISO 800 - 20 sec.- f 2.8



ISO 800 - 20 sec.- f 2.8



ISO 800 - 15 sec.- f 2.8



ISO 1600 - 10 sec.- f 2.8



ISO 400 - 20 sec.- f 2.8



ISO 800 - 30 sec.- f 2.8



ISO 400 - 10 sec.- f 2.8



ISO 400 - 15 sec.- f 2.8



ISO 400 - 30 sec.- f 5